1265

1200

piviale1265

Piviale di Niccolò IV, manifattura inglese, 1265, tessuto broccato seta, Museo comunale di Ascoli Piceno, Italia.

È possibile che sia stato commissionato da Enrico III o Edoardo I come dono per il papa. Il Volto Santo al centro in alto sembra riprendere il modello dell’acheropita del Sancta Sanctorum.

Il piviale fece la sua prima apparizione ad Ascoli Piceno in occasione della festa patronale di Sant’Emidio del 1288, indossato dal vescovo Buongiovanni. Esso non può essere anteriore al 1265 poichè nel penultimo clipeo a destra della fila inferiore è raffigurato Clemente IV che ascese al soglio pontificio in tale anno.

Il volto santo rappresentato sul piviale, insieme a 9 altre opere sono tra le prime riproduzioni della veronica romana e le prime in Inghilterra (1240-1270). Con sole due eccezioni, tutte le opere appartengono ai Benedettini Inglesi.

Secondo Nigel Morgan all’origine della nuova figurazione potrebbe essere un disegno o un dipinto con un testo di accompagnamento arrivato all’Abbazia di Westminster o al Palazzo Reale, da Roma. Il critico ritiene che il dipinto doveva derivare da una copia del Volto Santo nel Sancta Sanctorum, piuttosto che dalla reliquia del fazzoletto della Veronica in San Pietro. Infatti solo Gervaso di Tilbury nella sua Otia Imperialia, descrive l’immagine della Veronica “nella Basilica di San Pietro vicino alla porta alla destra dell’entrata” come “un’immagine dal petto in su”. Di norma, il capo di Cristo con solo la testa e il collo appare molto simile al Salvatore del Sancta Sanctorum dopo che il volto fu isolato dal resto della figura in trono dalla copertura in oro ordinata da Innocenzo III nel 1215 ca.

Resta problematico il fatto che le immagini presentano dettagli diversi tra loro, del Cristo è presente: solo il capo; il capo con il collo; il capo fino alla parte superiore delle spalle. Dato che un artista inglese avrebbe copiato fedelmente qualsiasi disegno giunto in Inghilterra con la pretesa di rappresentare l’aspetto dell’immagine sulla reliquia del fazzoletto della Veronica.

Per Gerard Wolf un influsso a questa prima raffigurazione della veronica potrebbe averlo avuto il Volto Santo di Laon che presenta il capo di Cristo senza collo, mentre le copie del Mandylion più antiche riportavano anche il collo.