1931

Eugeniusz Kazimirowski, Gesù Cristo, 1935, chiesa della Divina Misericordia, Vilnius, Lituania.

Dal diario di suor Faustina Kowalska “22 Febbraio, 1931 La sera, stando nella mia cella, vidi il Signore Gesù vestito di una veste bianca: una mano alzata per benedire, mentre l’altra toccava sul petto la veste, che ivi leggermente scostata lasciava uscire due grandi raggi, rosso l’uno e l’altro pallido. Gesù mi disse: Dipingi un’immagine secondo il modello che vedi, con sotto scritto: Gesù, confido in Te. Desidero che questa immagine venga venerata prima nella vostra cappella, e poi nel mondo intero. Prometto che l’anima, che venererà quest’immagine, non perirà. Prometto pure già su questa terra, ma in particolare nell’ora della morte, la vittoria sui nemici.

… Voglio che l’immagine, che dipingerai con il  pennello, venga solennemente benedetta nella prima domenica dopo Pasqua; questa domenica deve essere la festa della Misericordia. Desidero che i sacerdoti annuncino la Mia grande Misericordia per  le anime dei peccatori.

ll compito che il Signore Gesù assegnò a suor Faustina era, umanamente parlando, irrealizzabile, ciononostante, cercando 
di ubbidire alla Divina Volontà, provò a dipingere il quadro da sola, senza riuscire a farlo. 
Le sollecitazioni di Gesù a realizzare questo compito, e dall’altra parte, l’incredulità dei confessori e dei superiori, divennero per suor Faustina una sofferenza personale enorme. Dopo tre anni di permanenza a Plock fu trasferita a Varsavia, ma anche qui pensava continuamente a questa richiesta del Signore Gesù che non fu realizzata. Dopo i voti perpetui, suor Faustina fu trasferita a Vilnius, qui incontrò  don Sopocko che si impegnò a realizzare le richieste del Signore Gesù (“Guidato piuttosto dalla curiosità piuttosto che dalla fede nella verità di queste visioni, chiesi a un pittore Eugeniusz Kazimirowski di dipingere questa immagine”).

E’ l’unica rivelazione nota in cui Gesù chiede di essere raffigurato in un dipinto promettendo grazie a coloro che vedranno questa sua immagine: « Attraverso questa immagine concederò molte grazie, perciò ogni anima deve poter accedere ad essa. » Diario di Faustina, 570

Il dipinto per la prima volta fu mostrato in pubblico nel santuario della Madre della Misericordia il 26-28 aprile 1935 durante le solennità di chiusura del Giubileo della Redenzione del Mondo. “Quando quell’immagine venne esposta, vidi il vivo movimento della mano di Gesù, che tracciò un gran segno di croce. La sera dello stesso giorno vidi che quell’immagine stava passando sopra una città e quella città era coperta di reti e trappole. Gesù passando tagliò tutte le reti…” (Diario, 416).

Ora il quadro è venerato nella chiesa della Divina Misericordia a Vilnius. Mentre in tutto il mondo è più famoso e venerato il quadro di Lagiewniki, a Cracovia, dipinto nel 1944 da Adolf Hyla.

Le due immagini del Gesù misericordioso.

 


GUTE-URLS

Wordpress is loading infos from clicart

Please wait for API server guteurls.de to collect data from
www.clicart.it/giacomo/Displa...