1450-1470

La Veronica con il velo, part., calvario monumentale di Tronoën, scultura, 1450-1470, Saint-Jean-Trolimon, Bretagna, Francia.

(foto Manfred Escherig)

I calvari di pietra sorsero come riposta al rilassamento della fede, iniziato qualche secolo dopo l’epoca dei Santi Fondatori, e si manifestò con un ritorno alle pratiche pagane e l’adesione alle eresie. Nel XIV secolo giunsero in Bretagna i primi missionari, soprattutto Domenicani (tra i quali san Vincenzo Ferrer 1350-1419). La popolazione aderì e si iniziò un nuovo periodo della storia caratterizzato da un crescente fervore religioso. I primi calvari monumentali risalgono a quest’epoca.  Quello di Tronoën è considerato il più antico e sorge sul luogo dove era un tempo un santuario celtico.

Il Calvario e la Cappella di Nostra Signora di Tronoën  si ergono un po’ distanti dal villaggio di Saint-Jean-Trolimon, al limitare della baia di Audierne, in un paesaggio selvaggio di dune che scendono al mare. Sul calvario (1456-1460), l’Infanzia e la Passione del Cristo sono rappresentate su due fregi da 100 personaggi, caratterizzati da un’intensa animazione e da una forte originalità.

L’apice della costruzione realizzate in granito è la raffigurazione della Crocifissione dominante sull’altare.  Intorno rilievi e gruppi di figure riproducono il racconto della Passione.

Cfr. I calvari di Bretagna, Storie di un incontro fra tradizione etnica e cristianesimo di G.Bini, G. Delfiore, R. Lolli, in L’Umana Avventura, aprile 1979

Calvario e Cappella di Notre Dame de Tronoen

Associazione dei 7 calvari monumentali della Bretagna

foto di JaHoVil

 


GUTE-URLS

Wordpress is loading infos from clicart

Please wait for API server guteurls.de to collect data from
www.clicart.it/giacomo/Displa...