1820 ca

Via Crucis, VI stazione, olio su tavola, 1820 ca., Calvario, Romans-sur-Isère, Francia. Archives de Romans.

Fondato nel 1516 da un mercante romano di nome Romanet Boffin , il Calvario de Romans fu un popolare luogo di pellegrinaggio fino alla Rivoluzione francese. Dopo la distruzione operata dai Rivoluzionari, la zona fu utilizzata per alcuni anni come cimitero comunale. Nel 1820, Pierre Larat allora proprietario del terreno, lo vendette alla diocesi di Valence a condizione che le cappelle fossero ricostruite e che rimanesse un luogo di vita spirituale. Fu in questo periodo che furono ricostruite le cappelle oggi visibili, alcune nella loro posizione originale, altre spostate. La cappelle furono corredate di pannelli dipinti che rappresentano le varie stazioni della Passione di Cristo.

Originariamente la VI stazione era vicino al mulino Laubat, in seguito venne collocata all’esterno della Porte de Clérieu, all’ingresso del borgo.

Negli anni Sessanta la stazione fu demolita per effettuare lavori stradali e un privato recuperò il pannello dipinto. Dopo averlo conservato in una soffitta per dieci anni, lo donò alla città. In pessime condizioni, misura 100×164 cm., reca la scritta “Une femme pieuse essuie la face de Jésus-Christ” ed è custodito negli Archivi di Romans. Oggi la VI stazione è collocata in fondo alla Côte des Masses, vicino alla cascata del canale Martinette e vi è collocato un bassorilievo realizzato nel 1942 dallo scultore italiano Duilio Donzelli.

Fonte Romans Historique

Segnalata da Manu


GUTE-URLS

Wordpress is loading infos from clicart

Please wait for API server guteurls.de to collect data from
www.clicart.it/giacomo/Displa...