1452

1400

VERONNE

O le plus parfait des parfais,
O tres vray Cristus a Dieu filz,
Oncques a ame ne meffis,
Et si portes peine tant dure,
Et ton corps begnin tant endure
Qu’il n’est huy plus piteux regard.
Je requier a Dieu qu’il te gard
Et te doint bonne pacience,
Si vray qu’en parfaicte innocence
Toute ta vie as voulu maindre.
Helas ! Ton cas est bien a plaindre ;
Quand ton corps es parties toutes
Gette sueur a grosses gouttes,
Il fault qu’il sente greif mischief:
si vouldray de ce cueuvrechief
torcher sa face precieuse,
qui jadis fut tant gracieuse
et ore est tant decouloree.

Icy demeure la face de Jhesus ou cueucrechief.
[POSE]

Or m’est l’emprainte demouree
Du saint viaire precieux
Dont je me tiens bien honoree
D’avoir joyau tant vertueux ;
Si sera mon corps curieux
A le garder de ma puissance
Pour le doulx patron gracieux
Dont il me monstre la samblance.

Arnoul Greban, Le mystère de la passion, 1452

VERONICA

O perfetto tra i perfetti,
Cristo verace, di Dio figlio,
mai a nessuno hai fatto male
e se pena così dura porti,
e il tuo corpo benigno sopporta
che non v’è agli occhi più pietoso sguardo.
Chiedo a Dio che ti preservi
E ti dia buona pazienza,
perché in perfetta innocenza
la vita tutta hai voluto passare.
Ahimè, il tuo caso è assai penoso;
Quando il tuo corpo in ogni sua parte
gronda sudore a grosse gocce,
bisogna che patisca grave sventura:
se volessi con questo fazzoletto
asciugare il suo volto prezioso,
che prima fu tanto grazioso
e ora è così scolorito.

Qui rimane il volto di Gesù sul fazzoletto.
[MOSTRA]

Or mi si sono impressi i tratti
Del santo volto prezioso
Per cui ritengo un grande onore
L’aver tesoro così miracoloso;
così tutto il mio corpo si prenderà cura
di custodirlo con ogni forza
per il dolce prezioso patrono
che qui mi mostra la sua sembianza.

Veronica Map

Segnalata e tradotta da Manu