1450-1470

Thomas Malory, Le Morte Darthur, Book II (Ed. Caxton: Book V), 1450-1470.

And I shall make my vow devoutly to Christ

And to the holy vernicle, virtuous and noble,

For this great villainy I’ll be fully avenged

[…]

Said he: “I make my vow, verily to Christ

And the holy vernicle, never will I flee

For fear of any Roman that reigns on earth

[…]

If all my council agrees on attacking those lands,

When the first of June sets in we’ll have struck them once

With our cruelest knights, as Christ is my defense!

To that I make my vow devoutly to Christ

And the holy vernicle, virtuous and noble,

I shall on Lammass take leave…

[…]

I make my vow to God and the holy vernicle,

If I may see the Romans, held so valiant,

Arrayed in all their ranks in a round field,

I shall, for the reverence of the Round Table,

Ride through all that rout, from front to rear,

Preparing roadways for others…

Alliterative Morte Arthure, vv. 296-298, 307-310, 344-349, 386-391.

“I make myne avow unto the vernacle noble for to brynge with me ten thousand good mennys bodyes that  shall never fayle whyle there lyvis lastyth”.

Link al testo

Testo in italiano

ThomasLe Morte Darthur è una raccolta di romances e leggende su Artù e i cavalieri della Tavola Rotonda. E’ l’opera più famosa del ciclo arturiano in Inghilterra. Malory non inventa: riprende e traduce materiale già in circolazione in Francia dal XIII secolo, però vi incorpora anche un poema allitterativo in Middle English, del 1400 circa. Esistono  Le Morte Darthur e  Alliterative Morte Arthure. Malory scrive solo Le Morte Darthur. Inizia la composizione nel 1450, in carcere, e la completa nel 1470, un anno prima della morte.

La stampa arriva in Inghilterra nel 1476, a opera di William Caxton. Il primo libro a essere stampato sul suolo inglese è The Canterbury Tales di Chaucer. Le Morte Darthur esce nel 1485. Caxton ha fatto dei cambiamenti nella lingua, passando dal Middle English al Modern English  (Old English: metà V – metà XII secolo / Middle English: metà XII- fine XV secolo /Modern English: dal 1550 circa). Inoltre complica la comprensione del testo la scelta di Caxton di attribuire una divisione in libri diversa da quella di Malory.

Segnalato e tradotto da Manu


GUTE-URLS

Wordpress is loading infos from clicart

Please wait for API server guteurls.de to collect data from
www.clicart.it/giacomo/Displa...

E faccio voto devotamente a Cristo /E alla santa veronica, virtuosa e nobile, /che per questo affronto sarò pienamente vendicato

[…] Disse egli: “Prometto in verità a Cristo/ E alla santa veronica, di mai fuggire/ Per paura di un qualunque romano che governi la terra..”

[…] Se i miei uomini tutti vogliono attaccare quei territori, /entro il primo di giugno li avranno colpiti /i nostri più feroci cavalieri, come è vero che Cristo è mia difesa! /Per questo giuro devotamente su Cristo / E la santa veronica, virtuosa e nobile, /che il primo di agosto partirò…

[…] Giuro su Dio e sulla Santa Veronica /che se dovessi vedere quei Romani che si dice esser così forti, /schierati in legioni sul campo di battaglia, /per la gloria della Tavola Rotonda /li passerei da parte a parte, retrovia compresa, /e aprirei una strada a chi mi segue…
***
(Le Morte Darthur) “Giuro sulla nobile veronica di portare con me diecimila uomini di valore, che non periranno mai finché avranno fiato in corpo”.