1865

John Henry Newman, The Dream of Gerontius, 1865.

It is the face of the Incarnate God
Shall smite thee with that keen and subtle pain; [..]

The sight of Him will kindle in thy heart
All tender, gracious, reverential thoughts.
Thou wilt be sick with love, and yearn for Him,
And feel as though thou couldst but pity Him,
That one so sweet should e’er have placed Himself
At disadvantage such, as to be used
So vilely by a being so vile as thee.
There is a pleading in His pensive eyes
Will pierce thee to the quick, and trouble thee.
And thou wilt hate and loathe thyself; for, though
Now sinless, thou wilt feel that thou hast sinn’d,
As never thou didst feel; and wilt desire
To slink away, and hide thee from His sight:
And yet wilt have a longing aye to dwell
Within the beauty of His countenance.
And these two pains, so counter and so keen,—
The longing for Him, when thou seest Him not;
The shame of self at thought of seeing Him,—
Will be thy veriest, sharpest purgatory.

Link al testo

Testo in italiano

John Henry Newman

 


GUTE-URLS

Wordpress is loading infos from clicart

Please wait for API server guteurls.de to collect data from
www.clicart.it/giacomo/Displa...

Il volto del Dio incarnato
ti colpirà con dolore tagliente e sottile […]
La vista di Lui ti accenderà nel cuore
pensieri di tenerezza, di riconoscenza, di riverenza.
Sarai malato d’amore, e ti struggerai per Lui,
per Lui dolce a tal punto nella sua perenne
abnegazione da restare vilmente
ferito da un vile come te.
C’è una supplica nei suoi occhi tristi
che ti toccherà nel vivo, e ti turberà.
E odierai e detesterai te stesso: se pure
senza peccato ora, tu sentirai d’aver peccato,
come mai prima avevi sentito; e desidererai
scivolare via, e nasconderti alla Sua vista
e tuttavia avrai un’ardente brama di rimanere
dinnanzi alla bellezza del Suo volto.
E queste due pene, così in contrasto e così forti
– l’ardere per Lui, quando Lo vedi,
la vergogna di te al pensiero di vederLo –
saranno il tuo più vero, più aspro purgatorio.

J.H. Newman, Il sogno di Geronzio, Mondadori, Milano 1998, p. 89.