1960

Jack Kerouac, Visions of Cody, McGraw-Hill, 1972, New York, Stati Uniti d'America.

 … and Jesus Christ is standing on the top of the hill with the wind blowing through his eyebrows and is surveying a rooster about two miles away that happens just at that moment to be perched on a fence not unlike Farmer Brown’s fence except it is a Judean fence in the long ago of the earth, and Jesus Christ is saying “Yon rooster crowing..” preparatory to that night’s dark (that nighted and dark fitful) and fitful woe-adventures when they plant bleeding thorns on his head, and drag him spitting blood around, and push him, and cajole him, and mill about him in awful sorrow, thousands of men and women in dank robes wailing, o woe, o woe, and fires are burning someplace up ahead and out of the crowd jumps this lady with a clean handkerchief or scarf and Jesus mops his face with it, like say W. C. Fields suddenly borrowing a handkerchief from a stranger at the Worlds Fair in Chicago some ten, twenty years ago, thirty years, whatever and on the clean rag is left the imprint of his face, including blood features, and the woman runs away not believing it and staring at the rag and bundles it up under her arm like a flag and runs but once in the dark (and now the great thunderstorm and earthquake is forming) she unravels it to see if all the colors, the blood and features ran off into another, but no the face of Jesus is still neatly imprinted on that rag and stares back at her phosphorescent and frightening and crazy in the night and she screams, screams, doesn’t know what to do with it, drops it on the ground, kneels before it, wishes her husband was there to help her carry it home, or pick it up himself, like a piece of dead meat, and the husband is nowhere around, and the visage of Him so meek and sorrowful, stares from its stance in the desert dirt..

Visions of Cody è un romanzo sperimentale di Jack Kerouac. Fu scritto tra il 1951 e il 1952 e non fu pubblicato se non prima del 1960.

Testo in italiano

Segnalato da Manu

JackKerouac

 


GUTE-URLS

Wordpress is loading infos from clicart

Please wait for API server guteurls.de to collect data from
www.clicart.it/giacomo/Displa...

 e Gesucristo in piedi in cima al colle con il vento fra i capelli – e lui guarda un gallo, a due miglia di là, appollaiato su un recinto – che assomiglia al recinto del contadino Brown, tranne ch’è un recinto giudeo di tanti anni fa – e Gesucristo dice: “Prima che quel gallo canti..” – come premessa a quell’altra notte – a quell’altra atroce notte di tenebra fitta – di dolorose fitte – quando confissero spine di dolore sulla sua fronte, a sangue – e lo trascinarono intorno e lo spinsero e malmenarono e lo batterono a sangue – lo canzonarono e adularono – a migliaia assiepati intorno a lui, al suo atroce dolore – migliaia di uomini e donne dalle fradice vesti – gemendo e piangendo – e brillano dei fuochi e fra la folla si fa largo una donna, con un fazzoletto in mano, o salvietta, e Gesù si deterge la faccia con esso – come W.C. Fields che d’un tratto prende in prestito un fazzoletto da uno sconosciuto, alla Fiera di Chicago, dieci o vent’anni fa o che – e su quel cencio resta l’impronta del suo viso, il sudore di sangue e la fisionomia del suo volto – e la donna corre via, fugge incredula, e riguarda il suo cencio, e l’avviluppa, sottobraccio, e corre e ancora nel buio (e la grande tempesta si prepara e il terremoto seguirà tra poco) ancora lo svolge e lo guarda, per vedere se quel sudordisangue e la fisionomia si siano stinti in una macchia informe, ma no, il volto di Gesù è rimasto impresso, nettamente, su quello straccio, e lo guarda – terribile, fosforescente – folle –  nella notte e lei grida, grida – non sa che farsene, lo lascia cadere in terra, si inginocchia, vorrebbe che suo marito fosse là, l’aiutasse a portarlo a casa, lo raccogliesse lui da terra, come un pezzo di carne morta, ma il marito non è lì nei pressi – e il volto di Lui, sì mite, sì dolente, guarda di tra la polvere del deserto…

J. Kerouac, Visioni di Cody. Traduzione italiana di Pier Francesco Paolini. Arcana, Roma 1974 (Fazi, Roma 2005), pp. 358-359