1969

1900

Sul fondo passa la Veronica.
MARIA Cos’ l’è capitat a quela dona… co la g’ha un mantin tüto insenguinat? Ohj bona dona… av set fada male?
VERONICA No, miga mi… ma un de quei cundanat che – g’han metüo de soto a la crose, lo quelo co a ghe crieno stregonaso… e che no l’è stregon, ma santo!… Santo de seguro, che ol se capisce da i ogi dolzi ch’ol tene. A g’ho sugad la facia insanguagnenta…
MARIA Oh dona pitosa…
VERONICA … con sto mantin e gh’ n’è sortit on miracol… ol m’ha lasad l’emprunta d’la soa figura, che ol pare un ritrat.
MARIA Fam’io vedar.
ZOANA No ves curiosa, Maria, che n’ol sta ben.
MARIA No sont curiosa… a sentì ch’ol devi vedel.
VERONICA D’acordi, at lo fago vedar, ma in prima segnat con-t’ol segn de la crose… eco, a l’è ol fiol de Deo!
MARIA Ol me fiol… ah… a l’è me fiol de mi! (Corre disperata verso l’esterno).
ZOANA Co t’è fat… benedeta dona!
VERONICA Ma mi no credevi ch’a füs la sua mama… de quel!

Sul fondo passa la Veronica.
MARIA Cos’è capitato a quella donna, che ha un tovagliolo tutto insanguinato? Oh buona donna, vi siete fatta male?
VERONICA No, mica io… ma uno di quei condannati che hanno messo sotto la croce, quello al quale gridano stregone… e che non è stregone, ma santo!… Santo di sicuro, che lo si capisce dagli occhi dolci che tiene… gli ho asciugato la faccia insanguinata…
MARIA Oh donna pietosa…
VERONICA … con questo tovagliolo, e ne è sortito un miracolo… lui mi ha lasciato l’impronta della sua figura, che sembra un ritratto.
MARIA Fammelo vedere.
GIOVANNA Non essere curiosa, Maria, che non sta bene.
MARIA Non sono curiosa… sento che devo vederlo.
VERONICA D’accordo, te lo faccio vedere, ma prima segnati col segno della croce… ecco, è il figlio di Dio!
MARIA II mio figlio! Oh, è il mio figlio, di me! (Corre disperata verso l’esterno).
GIOVANNA Cosa hai fatto… benedetta donna!
VERONICA Ma io non credevo che fosse la sua mamma… di quello!

dario-foDario Fo, Mistero buffo, 1969

Segnalato da Manu