1999

1900

Looking back at these twenty years a certain clarity prevails. Midst the madness and the mayhem, it would seem I have been banging on one particular drum. I see that my artistic life has centered around an attempt to articulate the nature of an almost palpable sense of loss that has laid claim to my life. A great gaping hole was blasted out of my world by the unexpected death of my father when I was nineteen years old. The way I learned to fill this hole, this void, was to write. My father taught me this as if to prepare me for his own passing. To write allowed me direct access to my imagination, to inspiration and ultimately to God. I found through the use of language, that I wrote god into existence. Language became the blanket that I threw over the invisible man, that gave him shape and form. Actualising of God through the medium of the love song remains my prime motivation as an artist. […] I found that language became a poultice to the wounds incurred by the death of my father. Language became a salve to longing.

Nick Cave, The Secret Life of Love Songs, read on September 25, 1999 in Vienna.

Se guardo indietro agli ultimi venti anni ne ricavo un quadro molto chiaro. Pur in mezzo a mille follie e deliri, si direbbe che io abbia avuto un ritornello costante. Vedo che la mia vita artistica è stata incentrata su un tentativo di articolare un senso quasi tangibile di perdita che accampava diritti sulla mia vita. Un enorme profondo vuoto è entrato nel mio mondo a causa dell’inaspettata morte di mio padre quando avevo diciannove anni. Il modo in cui ho imparato a riempire questo buco, questo vuoto, è stato scrivere. Me lo ha insegnato mio padre, probabilmente per prepararmi al suo trapasso. Lo scrivere mi ha messo in contatto diretto con la mia immaginazione, con l’ispirazione, e in ultima analisi, con Dio. Ho trovato che attraverso l’uso del linguaggio io stavo dando esistenza a Dio grazie allo scrivere. Il linguaggio è diventato la coperta che io ho gettato sull’uomo invisibile, la coperta che gli ha dato forma e lineamenti. L’attualizzazione di Dio attraverso il mezzo della Canzone d’Amore rimane la mia prima motivazione come artista. […] Io ho trovato questo linguaggio che è diventato un toccasana per le ferite provocatemi dalla morte di mio padre. Il linguaggio è diventato un balsamo curativo.

Nick Cave, La Vita Segreta delle Canzoni D’Amore, 25 settembre 1999, letto a Vienna.

Veronica Map

Segnalato da Alessia