781

prima del 1000/1100

evangeliarium_-_evangeliaire_dit_de_charlemagne_ou_de_godescalc_-_jesus-christ_-_bnf_gallica

Godescalco,  Cristo in Maestà, Evangelistario, 781, Worms?, Scuola palatina BNF,  Ms. Nouvelle Acquisition Latine 1203. Francia.

L’Evangeliario di Godescalc, venne commissionato dalla Regina Ildegarda e da Carlo Magno allo scriba Godescalc. Databile al 781, grazie ai riferimenti a una visita a Roma e al battesimo di Pipino, il manoscritto è uno dei primi esempi della miniatura di epoca carolingia. È scritto in oro e argento su pergamena color porpora. Contiene sei grandiose raffigurazioni a tutta pagina: i quattro evangelisti, il Cristo in trono e la fontana della vita (forse in riferimento al battesimo di Pipino).

Si ritiene che Godescalco per  il Cristo in maestà, rappresentato giovanile e imberbe, abbia avuto come modello l’icona del Sancta Sanctorum.

Segnalato da Paul Badde