1243-1254

Ave facies praeclara,
que pro nobis in crucis ara
es facta sic pallida

anxietate denigrata
sudore sanguineo rigata;
te texit lintheola,

in qua mansit tua forma
que passionis norma
est cunctis prelucida.

Hec cordi meo sit impressa
per te, Jesu, neque cessa
hoc cremare indefessa
tui amoris facula.

Post hanc vitam cum beatis
contemplari voluptatis
possim Vultum Deitatis
in perhenni gloria. Amen.

Ave facies praeclara, Rhythmus in onore dell’Effigie detta della Veronica

Testo in italiano

Alla recita di quest’inno, attribuito a Innocenzo IV (1243-1254), di fronte alla Veronica o a una sua copia era concessa un’indulgenza prolungata rispetto a quella istituita da Innocenzo III. L’inno non fa riferimento a santa Veronica o al motivo per cui Cristo ci abbia lasciato l’immagine impressa su lino. Il Volto è descritto “scuro dal dolore, annerito dal sangue” non si parla di trasfigurazione.


GUTE-URLS

Wordpress is loading infos from clicart

Please wait for API server guteurls.de to collect data from
www.clicart.it/giacomo/Displa...